Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Erich Priebke: quel demone centenario

Condividi

Priebke lega il suo nome alla più orrenda strage di inermi civili italiani di tutto il Novecento. Era un individuo detestabile, un criminale di guerra, e ha lasciato un testamento di ributtante negazionismo.

Nelle cronache di questi giorni sulla morte del nazista Erich Priebke, però, si può quasi sempre ritrovare un’enfasi che supera il trapasso di un demone centenario. Priebke non era un generale, ma un esecutore.

Non era un mostro che trucidò di testa sua, ma il braccio armato di ordini impartiti per conto del più feroce capopopolo del Ventesimo Secolo.

Come lui ce ne furono decine di migliaia, ad amministrare la morte e la tortura in tutta l’Europa occupata.

Però alla nazione italiana uscita stritolata dalla seconda guerra mondiale questi personaggi negativi sono serviti e continuano a servire – al di là delle loro gravissime e non relativizzabili colpe – per tracciare un’arbitraria linea di demarcazione, tra «noi e loro», e affrancare «noi» da ogni responsabilità.

Eppure l’Italia entrò in guerra da alleata della Germania, e prima ancora varò le infami leggi razziali, e abbandonò poi la guerra e la Germania solo perché la stava perdendo.

Per questo il Re destituì Mussolini, per questo Badoglio accettò l’armistizio con gli Alleati, per questo i nazisti occuparono Roma, mentre il Re e Badoglio scappavano al Sud.

La fuga ingloriosa dalla capitale e dalle responsabilità rese possibile e facilitò tutto quello che accadde dopo.

Peggio: passò solo un mese da quella fuga alla retata del Ghetto, il cui settantesimo anniversario si ricorda in questi giorni.

Non solo fu lasciato campo libero ai nazisti, ma li si aiutò a compiere quel rastrellamento degli ebrei nel Portico d’Ottavia.

1021 italiani mandati nei campi di sterminio nell’indifferenza degli altri italiani: solo 16 di loro tornarono.

L’occupazione nazista di «Roma città aperta» si macchiò di mille orrori, in un mare di connivenze, delazioni, ambiguità e indifferenza.

Lì crebbe la stella luciferina di Herbert Kappler, comandante della Gestapo, e di riflesso del suo satellite Erich Priebke. In via Tasso coloro che venivano arrestati con l’accusa di essere spie, o militanti della Resistenza, erano torturati per estorcere notizie o confessioni.

Quando partigiani comunisti attuarono l’attentato di via Rasella (33 componenti del reggimento di polizia Bozen uccisi da una bomba, il 23 marzo 1944) Kappler ricevette da Berlino l’ordine di uccidere dieci civili per ogni soldato morto. E con chi concertò le persone da fucilare?

Con l’italianissimo questore di Roma, Caruso, che di suo fornì 50 nominativi tra gli oppositori politici detenuti a Regina Coeli.

335 persone furono portate alle cave di via Ardeatina e uccise con un colpo alla nuca.

A ogni sparo il capitano Priebke spuntava un nome dalla lista dei condannati: ebrei, trotzkisti, azionisti, un prete e un colonnello monarchico.

Poi i genieri fecero saltare in aria le cave. Questo fu l’eccidio delle Fosse Ardeatine.

Priebke alla fine della guerra fu fatto prigioniero a Vipiteno, ma fuggì grazie alle complicità dentro la Chiesa. In Argentina si rifece una vita.

Fu ripescato 50 anni dopo l’eccidio, a Bariloche, da una troupe Usa.

Ma era stato mai ricercato? Sull’elenco telefonico si leggeva «Erico Priebke». Il più longevo dei boia rimasti in vita, i suoi burattinai erano morti da tempo.

Era rimasto lui, anello della più feroce catena militare del Terzo Reich. In sua difesa, e a parziale giustificazione dell’eccidio, si è detto che dopo via Rasella i tedeschi avevano invitato gli attentatori a consegnarsi per evitare la rappresaglia, o che il diritto internazionale legittimasse in tempo di guerra la vendetta «dieci per uno».

Nulla di vero. Era proprio così il terrore nazista. Ma né quel terrore né l’orrendo Priebke erano calati su Roma per caso: gli avevano aperto le porte taluni italiani.

 

Convegni

Eleonora Pimentel Fonseca a Napoli

La Salerno Editrice è lieta di invitarvi alla prima presentazione del volume Eleonora Pimentel Fonseca. L'eroina della Repubblica Napoletana del 1799, di Antonella Orefice, pubblicato nella collana "Profili".

L'evento si terrà a Napoli all'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano sito in Via Monte di Dio, 14, il giorno

16 Ottobre 2019 alle ore 17:30

Interverranno con l'autrice il presidente dell'I.I.S.F. Massimiliano Marotta, il prof. Luigi Mascilli Migliorini dell'Università di Napoli "l'Orientale", la prof.ssa Renata De Lorenzo dell' Università "Federico II" e il prof. Davide Grossi, ricercatore dell'Istituto Italiano Studi Storici.

 

 

 

 

 

 

 

Eleonora Pimentel Fonseca, la nuova biografia di Antonella Orefice

A dieci anni dalla pubblicazione de “La Penna e la Spada” la cui monografia “Eleonora de Fonseca Pimentel. Il mistero della tomba scomparsa” ha avuto nel tempo ben cinque diverse edizioni, la Casa Editrice Salerno pubblica una nuova biografia sulla protagonista femminile della Repubblica Napoletana del 1799 nel 220 anniversario della sua morte.

L’opera “Eleonora Pimentel Fonseca” è stata curata da Antonella Orefice che da anni si occupa e pubblica lavori di ricerca relativi a quel periodo.

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2164
Web Links
6
Visite agli articoli
8628296

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 245 visitatori e nessun utente online