Donna Lionora

Categoria principale: Libere Riflessioni - Eventi
Categoria: Libere Riflessioni - Eventi
Pubblicato Giovedì, 22 Agosto 2013 14:52
Scritto da Redazione Nuovo Monitore Napoletano
Visite: 5987

Ringraziamo la poetessa Flora Ruocco per aver partecipato alla nostra commemorazione in ricordo di Eleonora de Fonseca Pimentel in piazza Mercato il 20.08.2013.

Pubblichiamo la poesia da lei scritta e recitata in quel giorno omaggiando Eleonora e tutti noi presenti.

 

 

 

Donna Lionora

 

scrivette contro o ré,

 

a rivoluzione a Napule

 

vuleva fa

 

steve a favore de pezziente

 

e nun vulette chiù niente

 

ma sule a Libertà.

 

 

 

Ncoppa a Sant’Elmo

 

steva arruccata

 

quando fui pigliata

 

essa e chillate,

 

o principe Serra, o vescuvo Natale

 

e tutte chilli belli giuvane

 

ammaistrat.

 

 

 

Donna Lionora

 

pe vicule e Napule

 

fui trascinata

 

e o patibulo

 

fui purtata.

 

A gente se fermava a guardà

 

- “ Addò a purtata?”

 

- “Adda murì mpiccata”

 

- “…Na femmena…accussì bella!?...”

 

- “ Contra a lu ré se mise e mo adda murì accisa”

 

- “ Chi ce l’ha fatta fa? Era ricca, era bella…

 

Si nun ce piaceva Napule

 

o Portogall puteva turnà!”

 

 

 

Donna Lionora

 

guardava pe terra…,

 

svenette…

 

l’aizaine

 

comma Gesù Crist cu la croce…

 

teneve i stessi uocchie.

 

 

 

A nisciune mo guardava dinta all’ucchie

 

comma faceva na vota,

 

chill’ucchie e mare…

 

senza chiù stelle lucente.

 

 

 

Ma vedeva già li stelle

 

addò essa duvea turnà,

 

dicette:

 

“ Fate presto, non ce la faccio più…andare avanti…”

 

 

Donna Lionora

murette accisa

 

pe salvà a tutta a gente

 

de padrune

 

pecchè vuleva a Libertà

 

e nun vulette chiù niente

 

ma sule a Libertà.

 

 

 

Gli arcangeli

 

sa venettene a piglà

 

pecchè nun ce puteva stà

 

ncoppa a sta terra,

 

manco lu cuorpo.

 

 

 

Donna Lionora

 

murette accisa

 

e mo sta mparavise

 

ma pe nui è sempa viva.