Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Non mi faccio intimidire, nè fermare, non tacerò, ma denuncio!

Condividi

Attacchi e ritorsioni di stile mafioso ad orologeria per delegittimare e gettare fango contro me, Lorenzo Diana, teste di accusa nel processo Cosentino,
da parte del giornale che pubblicò la lettera dal carcere del capoclan casalese di minacce a Diana ed ai figli, e dal giornale di Nicola Turco,fedelissimo di Cosentino,che nel 2010 candidò nella sua lista(Adp) alla Regione R.Conte,già condannato per reati di camorra,ritenuto impresentabile anche da Caldoro.

Quando sei sul fronte di una battaglia civile contro sistemi collusi,te l'aspetti. Era nel conto. Sapevo che avrebbero reagito come tante altre volte,in cui ho dovuto subire tentativi pesantissimi di delegittimazione e di schizzi di fango per mettermi a tacere, come quando ho dovuto denunciare per false notizie qualche giornale che si prestò a giocare di sponda con le menzogne dette dal capoclan contro me, ed il cui editore fu arrestato.

Pretendono omertà. Non sopportano che tu stia a testa alta e non ti pieghi nel loro "regno".

Anche stavolta il giorno dopo la mia testimonianza resa nel processo Cosentino,che potete ascoltare integralmente su RADIO RADICALE, reagiscono ed ora dal giornale di questo Nicola Turco con un articolo zeppo di fango, di menzogne, di falsità,di stravolgimenti,di accuse di parentele con uomini,che guarda caso erano schierati con il centrodestra contro me.

 

Nascondono che io abbia combattuto queste persone fino a denunciare uno zio, assistito dall'avvocato on.Taormina, con il quale ebbi uno scontro durissimo anche in commissione parlamentare antimafia mentre eravamo in prefettura a Caserta. Nell'articolo arrivano a negare minacce e fatti che mi riguardano e che sono resi pubblici ormai da tanti e tanti atti giudiziari pubblici.

Nicola Turco è quello che fece una lista per portare voti al sistema cosentiniano ed ospitare un "impresentabile" come R.Conte,già condannato per reati di camorra e che fece tappezzare l'intera Campania di manifesti giganti(6x3)-(con quali soldi?)-

Lo potete vedere (con gli occhiali) nelle seguenti foto, nella prima mentre applaude Cosentino alla conferenza stampa dopo l'esclusione dalle liste,nella seconda quando nel 2010 presentano la lista di R.Conte ed infine nel video in cui si accalora contro l'esclusione di Cosentino dalle liste.

 




 

Convegni

Eleonora Pimentel Fonseca a Napoli

La Salerno Editrice è lieta di invitarvi alla prima presentazione del volume Eleonora Pimentel Fonseca. L'eroina della Repubblica Napoletana del 1799, di Antonella Orefice, pubblicato nella collana "Profili".

L'evento si terrà a Napoli all'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano sito in Via Monte di Dio, 14, il giorno

16 Ottobre 2019 alle ore 17:30

Interverranno con l'autrice il presidente dell'I.I.S.F. Massimiliano Marotta, il prof. Luigi Mascilli Migliorini dell'Università di Napoli "l'Orientale", la prof.ssa Renata De Lorenzo dell' Università "Federico II" e il prof. Davide Grossi, ricercatore dell'Istituto Italiano Studi Storici.

 

 

 

 

 

 

 

Eleonora Pimentel Fonseca, la nuova biografia di Antonella Orefice

A dieci anni dalla pubblicazione de “La Penna e la Spada” la cui monografia “Eleonora de Fonseca Pimentel. Il mistero della tomba scomparsa” ha avuto nel tempo ben cinque diverse edizioni, la Casa Editrice Salerno pubblica una nuova biografia sulla protagonista femminile della Repubblica Napoletana del 1799 nel 220 anniversario della sua morte.

L’opera “Eleonora Pimentel Fonseca” è stata curata da Antonella Orefice che da anni si occupa e pubblica lavori di ricerca relativi a quel periodo.

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2167
Web Links
6
Visite agli articoli
8658531

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 170 visitatori e nessun utente online