Costituente per la Civiltà del Sole in Campania

Condividi

 

Si è tenuta il 24 gennaio 2013, nella sala consiliare della II Municipalità di Napoli in p.za Dante, la Conferenza Stampa,  promossa dal Comitato Promotore della legge di Iniziativa popolare sulla Cultura e Diffusione della Energia  Solare in Campania.

Il Comitato Promotore ha sottolineato che la legge, approvata all’unanimità il 10 gennaio scorso dal  Consiglio Regionale, costituisce un evento epocale per la Campania, sul piano sia legislativo, sia della diretta  partecipazione dei cittadini e della società civile alle scelte istituzionali.

Ma perché la legge non resti pura elencazione di principi ed articoli, per quanto di eccezionale valenza, occorre attivare subito il percorso per attuarne i contenuti, estendendo  ulteriormente il grandissimo  consenso e la forte  partecipazione già registrata finora. Proprio ciò che ha consentito l’eccezionale risultato ottenuto con l’approvazione della legge, ma anche con la fortissima crescita della sensibilità e della cultura del Solare.

Il superamento del Comitato Promotore della legge per attivare una vera Rete Campana per la Civiltà del Sole e della Biodiversità è stato posto come obbiettivo organizzativo fondamentale, per estendere quanto più possibile ed armonizzare la diretta partecipazione delle associazioni, dei comitati, dei gruppi, delle istituzioni e dei cittadini, che condividono i contenuti della legge  e sono interessati  alla loro attuazione.

Questo passaggio – si è detto - è decisivo per dare continuità all’eccezionale ed entusiasmante lavoro finora svolto ed altissima valenza ideale, culturale, progettuale, di movimento al percorso di attuazione della legge.

L’approvazione della legge, fin dal suo primo articolo, fissa finalità nuove nelle scelte energetiche regionali. ( La Regione  Campania sceglie il Sole  come sua  primaria fonte  di energia per ogni sua attività, civile e produttiva”) .

 

Da ciò scaturisce la decisa richiesta, da parte del Comitato Promotore, che le scelte in atto vadano riviste alla luce della legge approvata , a partire urgentemente dal gravissimo piano delle perforazioni petrolifere. Esse, infatti, non risolvono in alcun modo le necessità energetiche della regione, non creano sviluppo e lavoro,  e creano immani pericoli per il territorio fino a violenti  aggressioni alle falde acquifere, che vanno invece tutelate, per garantire qualità e quantità di una risorsa essenziale e vitale come l’acqua.

Il Comitato promotore l’ha sottolineato innumerevoli volte - e ciò è stata la linfa vitale del grandissimo successo ottenuto – che, nel progressivo percorso della loro attuazione, i contenuti della  legge -  dai principi generali   e  dagli obbiettivi (artt 1, 2, 3) alle modalità di riconversione,  di intervento,  di incentivazione e di nuova mobilità ( artt  4, 5, 6, 7, 8, 9),  dai  PESC,  Piani Energetici Solari Comunali,  e dalle RES  Reti Elettriche Solari (Artt 11, 12), al ruolo della Ricerca, della Promozione della Cultura del Solare e della Biodiversità,  alla creazione della Biennale del Sole e della Biodiversità del Mediterraneo (artt 11, 12, 10, 14 e 13) - pongono  la Campania quale riferimento nazionale ed internazionale nel campo dell'energia solare nelle sue diverse espressioni, tutelando l'ambiente, contribuendo alla salvaguardia del clima ed attivando fortemente economia, produzioni, ricerca, lavoro, cultura, relazioni e scambi scientifici, tecnologici e commerciali.

D’altra parte,  è  evidente che la “appropriazione  deI solare”, nei suoi molteplici aspetti, dal know-how alla ricerca, dalla produzione alla commercializzazione, sta diventando e  diverrà sempre più di fortissimo interesse delle istituzioni  e dei soggetti economici, produttivi,  sociali e culturali  territoriali.

E’ perciò sicuramente di importanza centrale attivarsi oggi per essere sotto ogni aspetto protagonista del processi di affermazione di quella che abbiamo definita civiltà del Sole.

Di qui la richiesta alla Regione (v. lettera allegata) - che il Comitato ritiene di fondamentale importanza -  di attivare, per la realizzazione degli obiettivi dei diversi articoli della legge, importanti risorse finanziarie, sia comunitarie  (molto ampie e già disponibili, sebbene non adeguatamente impiegate), sia quelle ordinarie stanziabili col prossimo bilancio regionale.

La natura stessa della fonte energetica, l’energia solare, pone il territorio come riferimento centrale della sua cultura istituzionale ed attuativa, nel pieno rispetto dei suoi valori; ciò trova riscontro nella legge negli articoli 11 e 12 con la promozione ed attivazione dei Piani Energetici Solari Comunali e delle Reti Elettriche Solari.

Di grande importanza è conseguentemente la richiesta (v. lettera allegata) che il Comitato fa anche ai Sindaci per attivare i suddetti Piani e la proposta di un intenso Seminario di di Studio per la impostazione di tali Piani.

L’Istituzione della Biennale del Sole e della Biodiversità, approvata dal Consiglio Regionale   (art. 14 della legge) ha grandissima rilevanza  nella concretizzazione dell’ambiziosissima scelta politico istituzionale di fare della Campania il  riferimento fondamentale della realizzazione e degli scambi di ogni natura sulla cultura e diffusione della energia solare  con l’Europa e soprattutto con i Paesi del Mediterraneo.

Più è alta la qualità più sono alti prestigi e attrattività, che significano promozione produttiva, economica, commerciale, scientifica, culturale  turistica.

La “esposizione permanente” della Biennale - che resta nell’identità di Conferenza periodica - diviene attrattore continuo per tanti innumerevoli interessi.

L’individuazione di una prestigiosa sede ed un congruo finanziamento, per attivare il progetto della Biennale e della prima Conferenza nel 2013 (o 2014)  sono perciò essenziali. Di qui, oltre alla richiesta di adeguate risorse fatta alla Regione, il Comitato ha annunciato  iniziative “promozionali” verso i Comuni, a partire dai capoluoghi delle cinque province, perché siano disponibili come prestigiosa sede per la Biennale.

La ulteriore crescita della Cultura della Civiltà del Sole e della Biodiversità è necessità assoluta per la salvezza stessa del Pianeta ed è anche condizione primaria per attuare i contenuti della legge; il Comitato intende perciò, in collaborazione con il MIUR e altre Istituzioni,  attivare un importante, organico piano per portare tali contenuti sia nelle scuole che in ogni  altro  luogo di socializzazione.

Sperando che però possano vedere come protagonista dell’azione propositrice  già la Rete Campana per la Civiltà del Sole e della Biodiversità, Il Comitato ha annunciato l’attivazione di un percorso per la realizzazione di specifiche Conferenze,  di rilievo nazionale ed inter- nazionale, sulla ricerca, sull’economia, sulla produzione e il lavoro, collegate all’immenso orizzonte della nuova legge campana sul solare.

Alla affollata ed intensamente partecipata Conferenza Stampa sono intervenuti:

 

Per

-    Il Comitato Promotore:Giovanni Aliotta, Salvatore Borrelli, Anna Maria Cicellyn Comneno, Antonio D’Acunto, Francesco Diliberto, Michele Di Gerio, Annamaria Esposito, Antonio Locoteta, Bruno Miccio,  Pina Prezioso; Paola Silvi;

-       Il Comune: Fulvio Frezza; Vicepresidente Consiglio Comunale Napoli; Danilo Risi, Assessorato all’Ambiente;

-       La II Municipalità: Francesco Chirico, Presidente Municipalità; Pino Di Stasio, Consigliere Municipalità;

-       Per le Associazioni:

-       Assise Bagnoli: Paolo Nicchia;

-       Cittadini Campani per un Piano Alternativo dei Rifiuti: Claudio Pellone;

-       DES – Distretti Economia Solidale: Aldo Pappalepore

-       Federconsumatori: Rosario Stornaiuolo;

-       Legambiente: Anna Savarese;

-       Medici per L’Ambiente: Pino Comella;

-       VAS – Verdi, Ambiente e Società: Nicola Lamonica;

-       WWf: Ornella Capezzuto


Il Presidente della VII Commissione regionale, On. Luca Colasanto ha inviato la seguente comunicazione:

"Gentilissimo dottore, ricevo con piacere il suo cortese invito ma, mio malgrado, precedenti ed indifferibili impegni istituzionali mi impediscono di partecipare alla conferenza stampa.

Le esprimo, anche da parte della Commissione che ho l'onore di presiedere, vivissimo apprezzamento per la tenacia che ha sorretto questo ambizioso progetto.

Per quanto riguarda le nostre competenze, siamo fieri ed orgogliosi che, grazie all'impegno unanime ed al costante lavoro di approfondimento svolto da oltre un anno dalla Commissione Ambiente, sia stata approvata, per la prima volta in Consiglio Regionale, una proposta di legge ad iniziativa popolare, diventata finalmente legge della Regione Campania.


A questo punto non resta che augurare a tutti, promotori, cittadini e legislatori, che la Legge trovi al più' presto il miglior modo per essere attuata, nelle sue molteplici ed avveniristiche previsioni."

Luca Colasanto

Presidente Commissione Consiliare Permanente Ambiente, Energia e Protezione Civile


Comunicato Stampa a cura del  Comitato Promotore della Legge di Iniziativa Popolare sulla  Cultura e Diffusione della Energia Solare in Campania

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
114
Articoli
1958
Web Links
6
Visite agli articoli
6470077

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 258 visitatori e nessun utente online