Convegni Culturali

Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano. Incontri culturali

7-9-30 Maggio, Museo Civico del Risorgimento di S. M. Capua Vetere

Leggi tutto...

Lezioni di Storia Festival

25-28 aprile 2019. Il primo Festival di Storia a Napoli

Leggi tutto...

220 Anniversario della Repubblica Napoletana del 1799

 Calendario eventi dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Leggi tutto...

Luigi Mascilli Migliorini "La verità dei vinti. Quattro storie mediterranee"

15-18 aprile 2019, ore 16 Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Leggi tutto...
 

Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

L'Europa tra Restaurazione e Rivoluzione (2)

Condividi

Molteplici sono i fattori della crisi rivoluzionaria del 1848 in Europa. La crisi agraria determina nel 1848 una annata di cattivi raccolti: conseguenze si avvertono subito nelle città industriali dell’Europa, soprattutto a Parigi in Francia. Il più colpito dalla crisi agraria è il proletariato parigino.

L’industria francese è ormai nella fase di decollo. La Rivoluzione industriale imperversa in Francia, Belgio e Olanda. L’Inghilterra, invece, ha solo il problema di consolidarla.

Il sistema costituzionale monarchico contribuisce, in qualche modo, all’assestamento dell’economia inglese, industriale e capitalistica. I Whigs e i Tories, liberali e conservatori, sono l’espressione della matura esperienza inglese nel campo costituzionale e liberale avanzato.

La prima e la seconda Rivoluzione consentono all’Inghilterra di dotarsi di solide istituzioni liberali e monarchiche in grado di affrontare, senza grosse tensioni, la tempesta della Rivoluzione industriale.

In Francia il sistema monarchico della Rivoluzione di Luglio non riesce a integrare la media e piccola borghesia. Il supporto della monarchia di Luglio è l’alta borghesia bancaria, finanziaria e industriale, affiancata dai ceti aristocratici e latifondistici sempre disponibili a una “Revanche”.

A Parigi la Rivoluzione industriale, intanto, continua a immiserire e divorare il proletariato industriale. La miseria e la fame spingono sempre di più proletariato operaio parigino alla disperazione. In questo contesto sociale così esplosivo vanno posti i primi movimenti socialistici. Saint Simon e Fourier rappresentano i primi teorici di quella contestazione sociale che sfocerà nel “Manifesto del Partito comunista”.

Ma a quest’epoca K. Marx non ha quella risonanza mondiale di cui poi godrà. Un primo nucleo compatto di comunisti partecipa alla crisi rivoluzionaria del 1848, ma in numero molto ridotto. I protagonisti della Rivoluzione del 1848 sono i piccoli e medi produttori indipendenti, la piccola e media borghesia urbana e rurale che non riesce a integrarsi nel processo di sviluppo industriale francese e in parte continentale.

Essi sono esclusi dai benefici dello sviluppo industriale. La libera attività artigianale e domestica tende sempre di più a essere sostituita dal “macchinismo” industriale.

Le manifatture industriali distruggono l’ “industria” domestica e le libere attività artigianali. I liberi produttori indipendenti si sentono livellati e schiacciati dal rullo compressore della Rivoluzione industriale e capitalistica. Essi, tutto sommato, hanno paura dell’avvenire e della possibile proletarizzazione.

I democratici e i socialisti (si pensi a L. Blanc e all’ancora più radicale e “rosso” Blanqui) sono soprattutto l’espressione del disagio sociale della massa enorme della piccola e media borghesia francese, più esattamente parigina. Il proletariato operaio partecipa alla sollevazione generale del 1848, ma non ha ancora la direzione esclusiva del movimento rivoluzionario. La sinistra democratica e socialista richiede la nazionalizzazione delle industrie  e dei servizi strategici e a grande concentrazione capitalistica (per esempio le ferrovie).

I socialisti ottengono anche l’installazione dei così detti “ateliers” nazionali: gli ateliers dovrebbero consentire la cooperazione e l’associazione dal basso dei produttori al fine di rendere impossibili le speculazioni finanziarie e l’esistenza di imprese monopolistiche a elevata concentrazione capitalistica.

La rivoluzione del 1848 sembra ripercorrere i passi della prima Rivoluzione francese senza ricercare nuove e autonome   vie programmatiche. Le richieste rivoluzionarie del 1848 mirano alla eliminazione delle grosse e insostenibili disuguaglianze sociali: esse non abbandonano la logica robespierriana della uguaglianza delle opportunità nell’ambito di un sistema proprietario di piccoli e medi produttori indipendenti, legati a un modello di società democratica che tuteli le prerogative dei piccoli rurali e borghesi (il popolo minuto, forse, se fossimo a Firenze) e comprima e reprima i privilegi dei “grossi”.

La Rivoluzione del 1848 a Parigi non riesce per vari motivi: essa lascia intatti i quadri amministrativi, non opera cioè un’epurazione politica della pubblica amministrazione che rimane “feudo” dei notabili, non organizza un’efficace attività propagandistica e conseguentemente non riesce a coinvolgere le masse rurali della provincia francese, i notabili dello schieramento conservatore e reazionario ne approfittano per incrementare il Leviatano della “Grande Paura” rossa.

La Rivoluzione democratica e socialista non dispiega a Parigi e nella provincia un’adeguata forza organizzativa che sappia tener testa all’inevitabile ritorno offensivo e reazionario dell’opposizione clerico-borghese.

In Germania e in Italia il 1848 prende le forme di una Rivoluzione nazionale e liberale che trova l’appoggio dei ceti urbani, piccoli e medio-borghesi. Mazzini e i repubblicani italiani non ottengono grossi risultati immediati, ma pongono all’Europa il problema essenziale dell’unità ed indipendenza italiana: se l’Europa vuole conservare un minimo di stabilità, non si può che risolvere il problema dell’indipendenza italiana.

D’altra parte, in Italia il Piemonte sabaudo e moderatamente liberale diviene il punto di riferimento dei patrioti italiani come la Prussia , ancor più moderatamente liberale ,  lo diviene per i patrioti tedeschi. Anche l’Austria restauratrice del principe di Metternich esplode in una sollevazione generale che a stento viene sedata.

Il 1848 non sovverte l’ordine conservatore e restauratore dell’Europa metternichiana, ma costringe la parte più retriva e reazionaria della borghesia europea a concessioni notevoli (diritto di voto a tutti anche se nominale in Francia, formazione di un movimento liberale moderato in Piemonte e in parte in Prussia ).


L'Europa tra Restaurazione e Rivoluzione (1)

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
118
Articoli
2076
Web Links
6
Visite agli articoli
7984850

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 194 visitatori e nessun utente online