Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Ricompare la porta della prigione dei condannati

Condividi

Ripuliti in profondità i fossati delle due torri aragonesi di via Marina, sono riemersi i basamenti da lungo tempo nascosti dal fango e dal sudiciume.

Ai piedi della quattrocentesca torre ‘Spinella’ è ricomparsa la porta di accesso alla prigione murata da decenni.

La torre tristemente nota in epoca borbonica come ‘guardione de’birri’ accoglieva i condannati a morte nelle ore che precedevano l’esecuzione.

"In questo torrione - racconta Antonella Orefice - chiamato comunemente 'guardione de' birri,  Eleonora e gli altri martiri del 1799 (ma non solo loro), trascorsero le ventiquattro ore dell’anticamera della morte. L’ultimo tragitto iniziava da qui e proseguiva lungo la cinta muraria del castello del Carmine del quale oggi è rimasto poco o niente. Oltre il tragitto i condannati oltrepassavano un vicolo, oggi inesistente, chiamato il ‘vicoletto dei sospiri’.

Da lì accedevano a piazza del Mercato passando sotto l’arco di Sant’Eligio."

Il progetto di restauro delle due torri sarà completato entro l’autunno.



Video del Comune di Napoli

 

Convegni Culturali

Raccontando Eleonora. Giornata di Studi sulla Repubblica Napoletana del 1799

18 Maggio 2019, Abbazia San Salvatore Telesino.

Leggi tutto...

Il 1799 in terra Atellana

Martedì 14 Maggio 2019, Cinema Sole, Grumo Nevano (NA)

Leggi tutto...

Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano. Incontri culturali

7-9-30 Maggio, Museo Civico del Risorgimento di S. M. Capua Vetere

Leggi tutto...

Maggio dei libri 2019 in Valle Telesina

4-11-18 Maggio 2019, Valle Telesina

Leggi tutto...

Lezioni di Storia Festival

25-28 aprile 2019. Il primo Festival di Storia a Napoli

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
118
Articoli
2081
Web Links
6
Visite agli articoli
8007496

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 383 visitatori e nessun utente online