Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Picerno 1799. Le 17 donne cadute nell’eroica difesa della Repubblica

Condividi

Picerno (Potenza)Furono ben 70 i patrioti morti a Picerno nella difesa della Repubblica solo il 10 maggio 1799. Il famoso storico meridionalista Giustino Fortunato, seguendo i registri parrocchiali del paese lucano, è riuscito ad elencare i nomi dei settanti caduti repubblicani, pubblicando nel 1882 "I morti di Picerno- 10 marzo 1799" e nel 1889, centenario della Repubblica Napoletana, "Il 1799 in Basilicata".

Il primo testo è un libretto di poche pagine, ma costituisce una preziosa testimonianza dell’eroica resistenza dei repubblicani di Picerno ai Sanfedisti del cardinale Ruffo. Citando il Cuoco, Fortunato riporta quanto “i paesi della Lucania fecero prodigi opponendosi all’unione di Ruffo con Sciarpa; se il fato non faceva perire i virtuosi e bravi fratelli Vaccaro; se il governo avesse inviato loro più di cento uomini di truppa di linea, qualche ufficiale e le munizioni da guerra che loro mancavano; forse la causa della libertà non sarebbe perita”.

La popolazione di Picerno aveva entusiasticamente festeggiato l’avvento della Repubblica, ed eroica fu la difesa degli ideali di libertà e di uguaglianza repubblicani, al punto che, nel corso della difesa della Repubblica il 10 maggio 1799, finite le munizioni, mancando il piombo, furono fuse le canne di organo delle chiese, i piombi delle finestre, gli utensili domestici, gli strumenti di farmacia. Sacerdoti, vecchi, giovani continuarono a combattere fino all’ultimo e in tale resistenza ”parecchie donne, vestite come uomini, combatterono a fianco de’ mariti e de’ fratelli, ingannando il nemico meno dalle mutate vesti che per valore”.

Di tali 17 donne, cadute insieme ad altri 53 patrioti il 10 maggio 1799 nella difesa della Repubblica, ne ricordiamo i nomi: Dominica Bove, Lavinia Caivano, Angela Cappiello, Laura Capece, Rosa Cataldo, Virgitta Coletta, Angela D’antonio, Caterina Decanio, Maria Gioiosa, Giuseppa Pasquale, Angela Rossillo, Dominica Rossiello, Carmela Potenza, Rosa Potenza, Rosa Sapienza, Dominica Tarullo, Rosa Vazza.

Già Pietro Colletta aveva ricordato che sulle mura di Picerno combatterono numerose donne, battendosi a fianco di mariti e fratelli, ma Giustino Fortunato ne ha ricordato i nomi di ognuna insieme agli altri patrioti, di cui, in cima alla lista, ritroviamo Nicola Caivano, lapidato in chiesa mentre alzava la croce di Cristo in faccia ai briganti di Sciarpa. Giustino Fortunato ha infine sottolinato che “ la storia del Regno di Napoli si chiude con la tragedia del 1799, donde nasce nuovo ordine di tempo e di cose” , ossia la democrazia repubblicana con i suoi grandi valori di libertà e uguaglianza.

 

Bibliografia:
Giustino Fortunato - I morti di Picerno- Roma 1882
Giustino Fortunato - Il 1799 in Basilicata in Archivio Storico di Napoli- Anno XXIV, 1889

 

Convegni Culturali

Maggio dei Monumenti 2019. Filangieri e il '700 dei Lumi

25esima edizione del Maggio dei Monumenti: Il diritto  alla felicità. Filangieri e il '700 dei Lumi.

Leggi tutto...

Altamura 1799 - 2019 Celebrazioni

20 Maggio - 22 Giugno 2019. Altamura, celebrazioni per il 220 anniversario della Repubblica Napoletana. Programma degli eventi.

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
118
Articoli
2095
Web Links
6
Visite agli articoli
8119033

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 309 visitatori e nessun utente online