Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

“Eduardo” e “ Monologo”: la passione civile in due corti di Eduardo De Filippo

Condividi

Le elezioni del 1948 segnarono un momento fondamentale per delineare gli equilibri politici dell’Italia repubblicana degli anni dopo la fine del fascismo e la guerra. Data l’importanza di tali elezioni, l’ampiezza dei mezzi propagandistici costituisce una novità senza precedenti nella storia italiana.
I leader dei due fronti, Alcide De Gasperi e Palmiro Togliatti, si mostrarono come i comandanti di due eserciti per una battaglia decisiva. Eduardo di Marcello Baldi, con protagonista Eduardo De Filippo nella parte di Pasquale Lojacono, è un cortometraggio propagandistico che veicola un messaggio chiaro, non aperto ad interpretazioni, come lo è Monologo di Antonio Iannotta con protagonista ancora Eduardo- Pasquale Lojacono.

Eduardo De Filippo interpreta nel cortometraggio  Eduardo un Pasquale Lojacono che, dialogando con il dirimpettaio professore Santanna, ha le idee ben chiare rispetto al voto da esprimere per le elezioni del 1948.

Al di là dell’appello ad andare comunque a votare, esso contiene il messaggio di andare a votare per  “stare tranquilli” ed evitare di “passare dei guai”. Quindi votare Democrazia Cristiana per non passare i guai di una vittoria del Fronte delle sinistre, composto dal Partito Comunista e dal Partito Socialista.

Il cortometraggio costituisce un vero “ asso nella manica” da parte della propaganda della Democrazia Cristiana, che ha compreso l’importanza della comunicazione cinematografica.

Il breve ma efficace filmato fu ideato da Luigi Gedda, presidente dei Comitati Civici a favore della Democrazia Cristiana, e il produttore Turi Vasile ci testimonia che Eduardo lo fece come atto di stima personale nei confronti di Alcide De Gasperi, ma Mino Argentieri scrive che in “tale atmosfera che si stava riscaldando o meglio incendiando, Eduardo rompeva gli indugi, vinceva le resistenze più intime e accettava di ideare, dirigere e interpretare il cortometraggio Considerazioni di Eduardo per conto dei Comitati Civici, lo strumento che, inventato da Luigi Gedda su indicazione del pontefice Pio XII, avrebbe mobilitato le organizzazioni ecclesiastiche e la comunità cattolica, trascinandola nella battaglia elettorale e promuovendole a vere vincitrici della contesa”.

Inoltre Argentieri ritiene che sfuggisse ad Eduardo De Filippo che l’obiettivo dell’invito al voto, della partecipazione massiccia fosse una maniera di accorrere per ostacolare una possibile vittoria delle sinistre. Tale ultima considerazione del famoso critico cinematografico ci trova in disaccordo, ritenendo che Eduardo avesse consapevolezza del messaggio che lanciava nel cortometraggio che porta il suo nome.

Ben diversa la pellicola Monologo di Antonio Iannotta, che, tramite lo stesso espediente di monologo teatrale proposto in Questi fantasmi, comunica un messaggio più aperto rispetto alla bontà del Piano Marshall, in relazione soprattutto alla “ contropartita” che gli Americani potrebbero esigere dall’Italia. Infatti il corto fu prodotto nell’ambito della campagna di promozione messa in moto per pubblicizzare il piano Marshall in Italia.

Nell’apprendere dal professore Santanna che, grazie ai fondi del Piano Marshall, , sono stati realizzati molti progetti nel nostro paese, Eduardo- Lojacono chiede di destinare alcune di quelle risorse a Napoli e alla sua provincia, ma nel contempo esprime diversi dubbi, insinua nello spettatore che tale piano di aiuti non sia senza una contropartita in termini di influenza politica più o meno rilevante.

Di diverso avviso è Mino Argentieri, il quale ritiene che in Monologo Eduardo si schiera più marcatamente verso le posizioni centriste e filoatlantiche con un Paese lieto di aver incontrato gli Stati Uniti, “ una madre ricca e prodiga e affrancata dallo scampato pericolo di finire sotto il tallone dei cosacchi in Piazza San Pietro”. Tuttavia si evidenzia, da parte di Mino Argentieri, quel cuore di Eduardo per la sua Napoli a cui il Piano Marshall potrebbe portare tanti benefici.
Due cortometraggi che hanno fatto discutere e lo faranno ancora, data la valenza artistica di un uomo quale Eduardo De Filippo, che volle apportare un contributo tramite il personaggio di Pasquale Lojacono, al dibattito sulle elezioni politiche del 1948 e sul Piano Marshall con due cortometraggi che ci comunicano innanzitutto la passione civile di Eduardo De Filippo.


Bibliografia
Eduardo e il suo Monologo a cura di Sergio Bruno- Rubettino- 2013

 

Convegni Culturali

Estate a Napoli 2019

Programma eventi al Maschio Angioino. Luglio - Settembre 2019

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
120
Articoli
2150
Web Links
6
Visite agli articoli
8508599

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 268 visitatori e nessun utente online